0 Elementi

Alla scoperta del SECONDO test subacqueo di Houdini

da | 27 Lug 2021 | Blog | 0 commenti

Alla scoperta del SECONDO test subacqueo di Houdini

Alla scoperta del SECONDO test subacqueo di Houdini
Sappiamo tutti del famoso test subacqueo di Houdini nella piscina dell’Hotel Shelton di New York il 5 agosto 1926, in cui rimase sigillato in una bara ermetica contenente solo cinque minuti d’aria per un’ora e mezza. Questa è generalmente considerata l’ultima grande acrobazia pubblica di Houdini.
Tuttavia, sapevi che Houdini ha ripetuto il test subacqueo nella piscina dell’YMCA di Worcester in Massachusetts il 28 settembre 1926?
Foto del secondo test di Houdini al Worcester YMCA il 28 settembre 1926
Questo test dimenticato è stato accennato per la prima volta in Houdini “The Man Who Walked Through Walls” di William Lindsay Gresham . A pagina 280 Gresham dice che Houdini ha portato una nuova bara di bronzo a Worcester e “l’ha usata in una trovata pubblicitaria”. La natura precisa di questa “acrobazia” è stata rivelata per la prima volta (per quanto ne so) nel libro aggiuntivo “The Secret Life of Houdini Laid Bare” . A pagina 301 c’è una foto di un invito all’evento dalla collezione di Joe Holland, ma non ci sono dettagli sul test nel libro stesso.
Ma ora l’esperto di Houdini Patrick Culliton ha scoperto un ritaglio di giornale di questo secondo test dimenticato, completo di fotografia (sopra).
Secondo l’articolo, Houdini ha eseguito questo test per un pubblico composto “in gran parte da medici e scienziati” e che Houdini è rimasto sommerso per un’ora e undici minuti.
Va notato che lo “scrigno” utilizzato in questo test era nuovo. Secondo James Randi ( Houdini His Life and Art ) la bara di Shelton, dopo essere stata aperta con un hacker, è rimasta a bordo piscina per circa 20 anni pubblicizzata come “la bara in cui Houdini è stato sepolto vivo”.
Con la scoperta di questo articolo sembra probabile che Houdini avrebbe usato il test subacqueo come una normale trovata pubblicitaria, proprio come ha eseguito la fuga dalla scatola in mare e la giacca diritta sospesa nei suoi giorni più giovani. Tuttavia, solo cinque settimane dopo questo test Houdini sarebbe morto, e la bara usata quel giorno sarebbe stata usata per spedire il corpo di Houdini a New York….

Giuseppe De Vincenti

Prestigiatore ed esperto in Close Up Magic, in arte Vincent. Da oltre 30 anni e più nel mondo della magia, con diverse pubblicazioni e tour conferenze in Italia e all'estero. Perno portante dell'Università Magica Internazionale "Damaso Fernandez"

Articoli recenti

Categorie

Archivi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This