0 Elementi
Spectator Cut the Ace’s

Spectator Cut the Ace’s

Il taglio agli assi mi ha sempre affascinato e segnatamente quando è uno spettatore ad eseguire parte dell’operazione. Per eseguire questo tipo di effetto ho fatto diverse prove e alla fine ho trovato due versioni che mi piacciono molto, la differenza è poca roba ma comunque molto interessanti entrambe.

L’unico materiale di cui hai bisogno è un mazzo di carte.

Preparazione:

L’unica preparazione necessaria è un Crimp, una piegatura della carta. Per preparare il Crimp devi semplicemente curvare la carta, sul lato corto, da una parte solamente. Questo crea una sorta di ponte che sarà visibile solo a te perché il mazzo da quel lato sarà dalla tua parte, personalmente io dò una piegata a tutti i quattro assi ma tu fai come ti trovi meglio. Metti gli assi in cima e sei pronto per cominciare Fig.1.

  • Facebook

Esecuzione

Estrai il mazzo ed esegui un falso miscuglio che lasci il set up inalterato, una volta terminato ponilo davanti allo spettatore. Chiedigli di effettuare quattro mazzetti, ora devi stare attento a dove posiziona il primo mazzetto, quello che contiene i quattro assi. Se lo spettatore dovesse posizionare questo mazzetto come secondo o terzo tu semplicemente spostalo e mettilo in quarta posizione (con la scusa di mettere a posto o squadrare le carte) alla fine il risultato finale deve essere come quello che vedi in fig. 2.

  • Facebook

Ora cominci a prendere, una alla volta, le carte da ogni mazzetto fino ad arrivare al quarto (quello che ha in cima i quattro Assi.

Prendi tutti e quattro Assi come una carta sola e poggiali sulle altre della mano sinistra, se tutto è stato eseguito correttamente l’impressione che hai dato è di prendere una carta da ogni mazzetto. Ora in mano dovresti avere 7 carte, quattro Assi seguiti da tre carte qualsiasi. Fai un breve riassunto di quanto è stato fatto fino ad ora: hai mescolato il mazzo, lo ha consegnato allo spettatore che ha eseguito 4 mazzetti sul tavolo. Ora comincia a prendere la prima carta di ogni mazzetto e arriva al quarto (quello che ha i quattro assi in cima, senza esitazione prendi le quattro carte come una. Questa operazione e resa “facile” grazie al ponte che hai effettuato sul lato che rimane dalla tua parte. Metti le quattro carte in cima alle tre che hai preso in precedenza. Ora devi dire: “Abbiamo preso una carta da ogni mazzetto” e nel fare questo prendi la prima carta del mazzetto che hai in mano e indica quelli che sono sul tavolo, porta questa carta sul fondo del mazzetto una volta terminata la descrizione. Ora, con il mazzetto nella mano sinistra, gira la prima e mostra come sia un asso. Mettilo sul primo mazzetto. Prosegui fino al terzo mazzetto ora devi eseguire la mossa chiave (la seconda mossa del gioco), dicevamo arriva fino alla terza carta e girala a faccia in alto sul mazzetto che hai in mano e con le dita della mano sinistra sfila l’ultima carta e girala a faccia in alto mostrando un quarto asso. Prendi il mazzetto che ha tutte le tre carte X e ponilo come una carta sola sul terzo mazzetto che è sul tavolo e in ultimo adagia anche l’ultimo asso. Fine dell’effetto.

Variante

L’unica variante che ho trovato è il fatto di non usare il Crimp ma di tagliare “a occhio” le carte necessarie, se poi sono 5 non fa nulla e prosegui come descritto nell’effetto.

Giuseppe De Vincenti

Spectator Cut the Ace’s

My name your name

La paternità di questo effetto non lo ricordo, un grazie all’autore e comunque dovuto. Un effetto semplice ma molto buono che non mancherà di stupire il vostro pubblico.

Effetto:

Una carta scelta viene perduta nel mazzo, dopo avere mescolato il prestigiatore compita il suo nome e trova la sua carta scelta. Compita il nome dello spettatore e trova la carta scelta dallo spettatore. Fine dell’effetto.

 

Preparazione:

Nessuna

Esecuzione:

 

Mescolate il mazzo di carte e fatene scegliere una allo spettatore, con la tecnica che preferite controllatela sulla cima del mazzo (salto, doppio taglio ecc.) ora girate il mazzo a faccia in alto ed eseguite un miscuglio nel cavo della mano facendo scorrere le carte una alla volta, compitando mentalmente il nome dello spettatore (Gigi) e aggiungete quattro carte. Ora proseguite In questo caso Vincent (7 LETTERE) conto mentalmente 7 carte e ricordo l’ottava. Portate tutte queste in cima al mazzo e proseguite facendo il miscuglio, nel cavo della mano, senza alterare l’ordine che avete appena eseguito, semplicemente mescolate la parte del fondo del mazzo rimettendole sul fondo.

Ora poggiate la carte sul tavolo e dite allo spettatore che trovare una carta è una cosa complessa, ma questa volta userete il suo nome per trovare la sua selezione. Riprendete il mazzo e dite “se volessi trovare la mia carta preferita, il 5 di fiori (supponiamo sia questa la carta che avete caricato) basta fare il mio nome: Vincent. Cominciate a mettere sul tavolo le carte, compitando il vostro nome V-I-N-C-E-N-T- e girate l’ottava carta e mostrate come sia il 5 di fori, compitate il nome dello spettatore G-I-G-I e girate la quinta carta, sarà la carta scelta da lui. Fine dell’effetto. L’effetto è “semplice” e facile da eseguire giusto un Opener per cominciare con delle cose più toste, questo ha un duplice vantaggio: 1) vi fa rilassare cercando di capire chi avete davanti e aggiustando il “tiro” per le cose che farete in seguito; 2) vi fa mettere nella condizione giusta per eseguire il resto della vostra esibizione

Spero vivamente che questi effetto vi piaccia, fino alla prossima statemi bene.

Giuseppe De Vincenti

 

Pin It on Pinterest

Share This